SEZIONE H

oa e è e a. ti lei a. e a a e ao o a eo ia e eoa è ) n e ). a osi a . di e ua ia ae PRINCIPI NUTRITIVI H 91 fenomeni nervosi, diarrea, ecc.; nei suini si possono avere eruzioni cutanee e opacità del cristallino; negli equini la carenza di vitamina B2 sembra essere in rapporto con l oftalmia periodica. I suini, oltre all arresto dell accrescimento, manifestano perdite di appetito, andatura rigida e oscillante con fenomeni di paresi agli arti posteriori. Nelle scrofe si nota una notevole mortalità fetale con parto spesso prematuro di soggetti deboli e poco vitali. Niacina (vitamina B3, acido nicotinico, nicotinammide). L acido nicotinico e la nicotinammide sono i composti che possono biologicamente essere indicati come niacina . Questo composto è facilmente assorbito a livello intestinale ed è incorporato in due coenzimi importanti che agiscono come idrogenasi: NAD e NADP. Tali enzimi, che contengono la niacina, agiscono insieme alle flavoproteine nel trasferire l idrogeno (H1) dal substrato alla molecola di O2, favorendo così la formazione di molecole di acqua. I coenzimi NAD e NADP sono entrambi interessati al metabolismo di carboidrati, lipidi e proteine e, in particolare, intervengono nelle reazioni che forniscono energia, o meglio, nei processi che formano legami altamente energetici; pertanto, una carenza di questa vitamina provoca un grave danno alla respirazione cellulare. Gli alimenti dotati di un buon apporto di triptofano, precursore del nicotinammide, possono esserne considerati una fonte naturale; tuttavia, poiché si ha una limitata efficienza di conversione, è importante che l organismo animale disponga di fonti che forniscono direttamente la nicotinammide. Le fonti con maggiore contenuto sono: fegato, lieviti, girasole, granella di leguminose. La carenza di questa vitamina provoca nei suini un arresto della crescita, dermatiti ed enteriti, mentre nei polli la sintomatologia più grave si manifesta con disturbi dell apparato scheletrico e stati infiammatori della mucosa boccale ed esofagea. Vitamina B6 (adermina, piridossina). La vitamina B6, o piridossina, è il derivato alcolico della piridina. Posseggono attività vitaminica anche i derivati aldeidico e amminico piridossale e piridossamina, che sono più termolabili. La vitamina B6 è ampiamente distribuita in natura e quindi è presente in tutti gli alimenti. Questa vitamina, in forma di piridossalfosfato, entra nel metabolismo proteico e più precisamente è il coenzima implicato nelle reazioni di transaminazione e desaminazione, attraverso le quali la cellula cambia il quadro degli amminoacidi di origine esogena nella miscela di amminoacidi necessari alle attività vitali dell organismo. La carenza di piridossalfosfato provoca disordini e blocco della crescita e danni al tessuto nervoso; nei suini compare una forma di anemia microcitica ipocromica. Acido pantotenico (vitamina antidermatitica, fattore filtrato). L acido pantotenico risulta costituito da una molecola di acido pantoico (dimetildiidrossibuttirico) e da una molecola di b-alanina collegate da un legame peptidico. La forma stabile non è l acido libero, ma il suo sale di calcio. presente in tutti gli alimenti e fra i vegetali le leguminose ne sono particolarmente ricche. L acido pantotenico è un costituente dell acetilCoA, per cui è un elemento chiave nel metabolismo. Sintomi di carenza si manifestano, per esempio nei suini, con arresto della crescita, diarree, dermatiti e con l andatura a passo d oca . Nelle galline la carenza si manifesta con una riduzione della percentuale di schiusa a causa di una mortalità embrionale. Nei ruminanti raramente si manifestano carenze di acido pantotenico, in quanto la flora microbica ne produce in quantità sufficiente a soddisfare i fabbisogni. H03_AlimentazioneAnimale.indd 91 H 5/30/18 11:47 AM

SEZIONE H
SEZIONE H
ZOOTECNIA E ALLEVAMENTO ANIMALE
I contenuti afferenti alla Zootecnia, e agli allevamenti in generale, si compongono di diverse parti, fra loro complementari, e il cui studio dovrebbe seguire un ordine cronologico. Posta a priori la conoscenza dei principali elementi di anatomia e fisiologia animale, di cui in questa Sezione del Manuale dell’Agronomo abbiamo previsto un semplice schema iniziale e riepilogativo, le diverse parti che compongono la struttura dei contenuti sono definite nel seguente percorso.La Zoognostica, che attraverso la valutazione morfo-funzionale individua i soggetti più adatti alle svariate funzioni richieste (una fra tutte, la riproduzione finalizzata al miglioramento della razza).La Genetica e il Miglioramento genetico (trattati unitamente alla Genetica agraria nella Sezione B di questo Manuale) forniscono gli elementi per conoscere e valorizzare il comportamento ereditario dei caratteri.L’alimentazione e la nutrizione circoscrivono le informazioni necessarie a definire e predisporre una corretta razione alimentare.La Zootecnia speciale definisce infine i mezzi per ottimizzare le produzioni con idonee tecniche di allevamento per ciascuna specie animale considerata.Inoltre, ostetricia e ginecologia, malattie e profilassi veterinaria, identificazione e benessere animale definiscono e completano l’ambito operativo dell’intero comparto.Oltre all’allevamento delle specie di maggiore interesse e diffusione (bovini, suini, equidi, ovicaprini, avicunicoli), sono esposte le tecniche di acquacoltura, per i pesci di maggior interesse, e l’allevamento di svariate specie minori e alternative (struzzo, selvaggina, ungulati). Sono proposte in questa Sezione anche le tecniche di apicoltura, bachicoltura ed elicicoltura.Nel testo, sono numerosi anche i riferimenti trasversali e i rimandi ad altre Sezioni (es. Costruzioni rurali, ecc.), per una visione più ampia e completa degli argomenti esposti.Coordinamento di SezioneAdalberto FalaschiniRealizzazione e collaborazioniMaurizio Bianchi, Claudio Cavani, Stefania Dall’Olio, Claudio De Fanti, Giorgio Della Vedova, Jorgelina Di Pasquale, Michele Drigo, Adalberto Falaschini, Achille Franchini, Franco Frilli, Adele Meluzzi, Attilio Mordenti, Oliviero Mordenti, Federico Morimando, Paolo Parisini, Daniela Pasotto, Mario Pietrobelli, Marco Ragni, Federico Sirri, Maria Federica Trombetta, Domenico Ugulini, Arcangelo Vincenti