SEZIONE L

L 504 GENIO RURALE E MECCANIZZAZIONE AGRARIA - COSTRUZIONI RURALI e la gestione di un attività agroindustriale al fine di verificarne la coerenza e di predisporre la documentazione necessaria per ottenere i diversi pareri e/o autorizzazioni preventivi all esecuzione delle opere (Tab. 4.49). TAB. 4.49 Principali riferimenti normativi per la progettazione, realizzazione e gestione NORMATIVA DENOMINAZIONE d.P.R. n. 380/01 PRG comunale d.lgs. n. 42/04 Piano Paesistico Regionale l.s. 349/86 d.P.C.M. 377/88 e s.m. e i. l.s. n. 394/91 d.P.R. n. 357/97 e s.m. e i. d.P.R. n. 183/89 e s.m. e i. Testo Unico dell Edilizia (permesso di costruire) PRG Codice Paesaggio (relazione paesaggistica) Piano Paesistico Regionale (autorizzazione) Impatto ambientale Procedura di valutazione impatto ambientale (VIA) Aree Protette (parere, VIA) SIC-ZPS (valutazione incidenza ambientale) PAI (parere, valutazione compatibilità idraulica) Strutturale/Sismica l.s. n. 64/74 l.s. n. 1086/71 Normativa antisismica (autorizzazione) Deposito progetto Norme in materia ambientale (autorizzazioni) Legge Galli Acque d.lgs. n. 152/06 l. 5 gennaio 94 n. 96 d.P.R. 24 maggio 1988 n. 217 l. 10 maggio 1976 n. 319 d.l. 9 maggio 1993 n. 408 d.l. 17 marzo 1995 Alimenti d.P.L. 26 marzo 1980 n. 327 d.P.L. 14 gennaio 1997 n. 54 Circ. Min. Sanità 22/12/92 n. 42 Produzione e vendita Att. dir. CEE 92/46 e 92/47 Norme per il latte Aria d.lgs. n. 152/06 l. 13 luglio 1966 n. 615 d.P.R. 24 maggio 1988 n. 203 d.M. 30 luglio 1990 n. 51 Norme in materia ambientale (autorizzazioni) Inquinamento Energia d.lgs. n. 152/06 l. 9 gennaio 1991 n. 10 d.P.R. 26 agosto 1993 n. 412 Norme in materia ambientale (autorizzazioni) Fonti Impianti Impresa l. 25 gennaio 1994 n. 70 Norma ISO/9000 d.P.R.17 maggio 1988 n. 175 Audit Qualità totale Industrie pericolose Sicurezza e salute Lavoro e sicurezza d.P.R. 27 aprile 1955 n. 547 d.l. 19 settembre 1994 n. 626 d.lgs 242/96 e s.m. e i. d.lgs. 10 aprile 2006, 195 d.lgs. 15 agosto 1991 n. 277 d.m. 06 aprile 2006 n. 174 Legge 27 marzo 1992 n. 257 d.m. 10 aprile 1998 d.P.R: 19 marzo 1956 n. 303 d.lgs. n. 152/06 d.P.R. 10 settembre 1982 n. 915 l. 10 maggio 1976 n. 319 l. 9 novembre 1988 n. 475 d.m. 26 gennaio 1990 l.s. 11 novembre 1996 n. 574 Norme in materia ambientale (autorizzazioni) Autorizzazioni Urbanistica Paesaggio Ambiente Rifiuti L04_11_OpificiIndustriaAgroalimentare.indd 504 degli edifici agroindustriali TEMA 1 p d s Legge Merli Scarichi Scarichi Emissioni atmosfera Rumore Amianto e piombo Antincendio Igiene Oleifici: sanse e acque reflue F 5/31/18 10:04 AM

SEZIONE L
SEZIONE L
GENIO RURALE E MECCANIZZAZIONE...
L’Ingegneria agraria comprende tutte quelle discipline – scientifiche e tecniche – inerenti le opere di ingegneria applicata allo sviluppo dei sistemi agricoli e forestali, e le relative applicazioni, di principi e leggi, ai processi di gestione dei fenomeni territoriali e al governo delle tecnologie e tecniche applicate; ciò al fine di studiare, modellare e valorizzare i sistemi biologici per uno sviluppo sostenibile dell’agricoltura, della produzione alimentare, dell’uso del suolo e dell’ambiente.Fra i vari settori applicativi dell’ingegneria agraria e dei biosistemi vi sono le aree che convergono nelle denominazioni di Genio rurale e Meccanizzazione agraria; in particolare, quei settori che si concentrano sulle discipline relative al campo ingegneristico dei sistemi agrari, forestali e biologici, dell’Idraulica agraria, del Rilievo e rappresentazione del territorio, delle Costruzioni rurali e della Meccanica agraria.Questa Sezione L del Manuale dell’Agronomo è stata opportunamente organizzata per corrispondere al meglio a tutte le esigenze dei contenuti circoscritti nell’ambito sopra descritto.A cominciare dai richiami di Fisica applicata e in stretto parallelismo con gli aspetti normativi, di sicurezza e benessere, si passano in rassegna i vari ambiti operativi:– idraulica, idrologia, sistemazione dei corsi d’acqua, senza tralasciare gli aspetti della gestione delle risorse idriche, dell’ingegneria naturalistica e della tutela ambientale;– geodesia, topografia e cartografia, geomatica, telerilevamento e sistemi informativi territoriali orientati all’analisi, gestione e tutela, di territorio, paesaggio e ambiente;– controllo ambientale, energetica, progettualità e gestione di strutture e attrezzature di edifici, opifici rurali e relativa impiantistica;– meccanica, motoristica, macchine e meccanizzazione agricola, con relative applicazioni gestionali e informatiche.Tutto questo insieme di conoscenze validamente e trasversalmente integrate nei due contesti, sia di Sezione così come dell’intero Manuale, contribuisce a finalizzare concretamente la professione del tecnico operante nei vari ambiti del sistema agrorurale.Coordinamento di SezionePierluigi BonfantiRealizzazione e collaborazioniMatteo Barbari, Pierluigi Bonfanti, Federico Cazorzi, Roberto Chiambrando, Alessandro Chiumenti, Roberto Chiumenti, Francesco Da Borso, Pasquale Dal Sasso, Giancarlo Dalla Fontana, Vito Ferro, Rino Gubiani, Adolfo Gusman, Massimo Lazzari, Fabrizio Mazzetto, Elisabetta Peccol, Pietro Piccarolo, Franco Sangiorgi, Giacomo Scarascia Mugnozza, Paolo Zappavigna