SEZIONE M

ESEMPLIFICAZIONE DI FORMULE E TAVOLE FINANZIARIE M 363 r 5 0,005 5 0,5% q 5 (1 1 r) n qn 1 q 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 50 60 70 80 90 100 1,00500000 1,01002500 1,01507513 1,02015050 1,02525125 1,03037751 1,03552940 1,04070704 1,04591058 1,05114013 1,05639583 1,06167781 1,06698620 1,07232113 1,07768274 1,08307115 1,08848651 1,09392894 1,09939858 1,10489558 1,11042006 1,11597216 1,12155202 1,12715978 1,13279558 1,13845955 1,14415185 1,14987261 1,15562197 1,16140008 1,16720708 1,17304312 1,17890833 1,18480288 1,19072689 1,19668052 1,20266393 1,20867725 1,21472063 1,22079424 1,28322581 1,34885015 1,41783053 1,49033857 1,56655468 1,64666849 0,99502488 0,99007450 0,98514876 0,98024752 0,97537067 0,97051808 0,96568963 0,96088520 0,95610468 0,95134794 0,94661487 0,94190534 0,93721924 0,93255646 0,92791688 0,92330037 0,91870684 0,91413616 0,90958822 0,90506290 0,90056010 0,89607971 0,89162160 0,88718567 0,88277181 0,87837991 0,87400986 0,86966155 0,86533488 0,86102973 0,85674600 0,85248358 0,84824237 0,84402226 0,83982314 0,83564492 0,83148748 0,82735073 0,82323455 0,81913886 0,77928607 0,74137220 0,70530291 0,67098847 0,63834350 0,60728678 M08_Statistica.indd 363 qn 2 1 r 1,00000000 2,00500000 3,01502500 4,03010012 5,05025063 6,07550188 7,10587939 8,14140879 9,18211583 10,22802641 11,27916654 12,33556237 13,39724018 14,46422639 15,53654752 16,61423026 17,69730141 18,78578791 19,87971685 20,97911544 22,08401101 23,19443107 24,31040322 25,43195524 26,55911502 27,69191059 28,83037015 29,97452200 31,12439461 32,28001658 33,44141666 34,60862375 35,78166686 36,96057520 38,14537807 39,33610496 40,53278549 41,73544942 42,94412666 44,15884730 56,64516299 69,77003051 83,56610549 98,06771357 113,31093580 129,33369842 qn 2 1 n rq 0,99502488 1,98509938 2,97024814 3,95049566 4,92586633 5,89638441 6,86207404 7,82295924 8,77906392 9,73041186 10,67702673 11,61893207 12,55615131 13,48870777 14,41662465 15,33992502 16,25863186 17,17276802 18,08235624 18,98741915 19,88797925 20,78405896 21,67568055 22,56286622 23,44563803 24,32401794 25,19802780 26,06768936 26,93302423 27,79405397 28,65079997 29,50328355 30,35152592 31,19554818 32,03537132 32,87101624 33,70250372 34,52985445 35,35308900 36,17222786 44,14278635 51,72556075 58,93941756 65,80230538 72,33129958 78,54264477 r qn 2 1 1,00000000 0,49875312 0,33167221 0,24813279 0,19800997 0,16459546 0,14072854 0,12282886 0,10890736 0,09777057 0,08865903 0,08106643 0,07464224 0,06913609 0,06436436 0,06018937 0,05650579 0,05323173 0,05030253 0,04766645 0,04528163 0,04311380 0,04113465 0,03932061 0,03765186 0,03611163 0,03468565 0,03336167 0,03212914 0,03097892 0,02990304 0,02889453 0,02794727 0,02705586 0,02621550 0,02542194 0,02467139 0,02396045 0,02328607 0,02264552 0,01765376 0,01433280 0,01196657 0,01019704 0,00882527 0,00773194 r qn 1 qn 2 1 q 21 1,00500000 200,00000000 0,50375312 99,75062344 0,33667221 66,33444167 0,25313279 49,62655860 0,20300997 39,60199500 0,16959546 32,91909113 0,14572854 28,14570711 0,12782886 24,56577299 0,11390736 21,78147213 0,10277057 19,55411455 0,09365903 17,73180663 0,08606643 16,21328594 0,07964224 14,92844774 0,07413609 13,82721721 0,06936436 12,87287280 0,06518937 12,03787337 0,06150579 11,30115804 0,05823173 10,64634611 0,05530253 10,06050546 0,05266645 9,53329041 0,05028163 9,05632586 0,04811380 8,62275946 0,04613465 8,22693059 0,04432061 7,86412205 0,04265186 7,53037139 0,04111163 7,22232579 0,03968565 6,93712911 0,03836167 6,67233326 0,03712914 6,42582780 0,03597892 6,19578368 0,03490304 5,98060788 0,03389453 5,77890648 0,03294727 5,58945453 0,03205586 5,41117120 0,03121550 5,24309917 0,03042194 5,08438749 0,02967139 4,93427722 0,02896045 4,79208929 0,02828607 4,65721428 0,02764552 4,52910373 0,02265376 3,53075160 0,01933280 2,86656031 0,01696657 2,39331484 0,01519704 2,03940719 0,01382527 1,76505470 0,01273194 1,54638739 n M 5/31/18 11:18 AM

SEZIONE M
SEZIONE M
ECONOMIA, POLITICA AGRARIA, ESTIMO
Le nozioni di Economia politica devono essere note a chi si occupa del settore produttivo aziendale agrario e della sua organizzazione e analisi, e nel contempo rappresentano la base sulla quale sono sviluppati e approfonditi gli insegnamenti di Economia agraria, Politica agraria e più in particolare Estimo, disciplina che rappresenta il quadro d’insieme che finalizza, in maniera compiuta, la professione del Dottore Agronomo. Tali insegnamenti devono considerare le peculiarità del settore agrario, proprio per le caratteristiche dei suoi processi produttivi legati ai cicli biologici e influenzati dall’andamento climatico stagionale; questi aspetti differenziano la produzione agraria dalla produzione industriale – che viceversa non conosce limitazioni di questo tipo e obbedisce a regole di natura più matematica – imponendo conoscenze intrinseche ai processi produttivi al fine di minimizzarne le discontinuità e massimizzare le rese di lavoro e capitale investito.Conoscenze, a volte ancora più specifiche, devono essere acquisite per molti indirizzi professionali (es. florovivaismo e orticoltura protetta; gestione degli ambiti tecnologici applicati; analisi e orientamento al mercato…), con l’approfondimento delle specifiche fisionomie tecnico-economiche che rappresentano una realtà diversa da quella tradizionale, sia per la tecnologia impiegata sia per gli investimenti di capitale.In tutti i casi, l’analisi economica deve prendere in considerazione sia l’aspetto fisico e organizzativo dei beni sia i valori di tutti gli aggregati patrimoniali, perché essi incidono non solo su costi e ricavi, ma anche sui rapporti che intercorrono fra gli stessi aggregati.Le informazioni che scaturiscono dalle risultanze della gestione dei processi diventano fondamentali, perché consentono di esprimere giudizi di convenienza sul lavoro svolto e di programmare quello futuro, sia pure con i limiti imposti dal settore produttivo specifico.Inoltre, vanno considerati gli interventi definiti dalla Politica Agricola Comune (PAC), comprese le sfide economiche, ambientali e territoriali, le misure di sostegno per l’agricoltura biologica e la politica della qualità. Alle conoscenze teoriche vanno poi affiancati interventi pratici (la vita della dottrina) derivanti dai diversi ambiti, attività, e realtà aziendali in cui si opera.È quanto viene affrontato e analizzato in questa Sezione M del Manuale dell’Agronomo, unitamente agli aspetti più peculiari e normativi della Professione, orientata alla migliore e logica valutazione dei beni (dei loro aspetti economici) e dei processi organizzativi, produttivi e distributivi, considerati non solo riguardo ai singoli settori di produzione specifica, ma anche ai contesti operativi ambientali e agroterritoriali più in generale.Coordinamento di SezioneReda Edizioni, Michele BagliniRealizzazione e collaborazioniMichele Baglini, Chiara Bartolini, Pietro Belli, Luigi Casanovi, Giovanni Battista Cipolotti, Stefano Cosimi, Gianluigi Gallenti, Gianni Guizzardi, Stefano Oggioni, Aldo Pollini, Mario Prestamburgo, Giancarlo Quaglia, Vittorio Tellarini, Tiziano Tempesta, Domenico Ugulini