EDUCAZIONE AMBIENTALE - Flussi e interazioni/2 di Massimo

PRIMARIA Educazione ambientale Flussi e interazioni nell ecosistema / 2 Marco Glisoni mine del ciclo, sotto diverse forme, di nuovo alle piante, pronta per essere di nuovo trasformata in alimento tramite la fotosintesi clorofilliana. Educatore ambientale ARPA Piemonte e Massimo Da Vià Esperto decarbonizzazione Environment Park L energia Parliamo ora dell energia. Come per un automobile, una volta compreso da dove proviene il materiale necessario per produrre la carrozzeria, serve capire da dove proviene la benzina che la fa marciare. Allo stesso modo in una catena alimentare bisogna capire da dove provenga l energia che fa muovere tutto il processo. L unica fonte di energia disponibile in un ecosistema è quella del sole, che non è utilizzabile come tale da tutti, ma solo dalle piante che possiedono la clorofilla. attraverso la fotosintesi clorofilliana che l energia del sole viene immagazzinata nella materia; l energia che utilizzano tutti gli altri anelli della catena proviene esclusivamente, al pari della materia, dai vegetali. Dopo alcuni passaggi, però, l energia contenuta nella materia si disperde e si degrada, e bisogna passare di nuovo attraverso le piante e la fotosintesi perché la materia si «ricarichi di nuova energia solare e ritorni in circolo. Le piante verdi rivestono allora un ruolo fondamentale grazie alla possibilità di svolgere la fotosintesi. questo processo che permette ai vegetali di trasformare della materia come l acqua e l anidride carbonica in zuccheri, i quali contengono l energia del sole opportunamente La materia Partiamo dalla materia. Alla base c è un processo continuo di produzione svolto dalle piante verdi attraverso la fotosintesi. A partire dall anidride carbonica e dall acqua, per mezzo della luce del sole, le piante sono in grado di produrre zuccheri, che sono alla base dello svolgersi di tutta la catena. In tutto il processo, solo le piante hanno la capacità di produrre il cibo da sole, essendo autotrofe. Tutti gli altri anelli della catena sono eterotrofi, cioè non possono produrre da soli gli zuccheri, le proteine e i composti organici necessari alla loro vita, ma devono rifornirsi da altri organismi viventi, vegetali o animali attraverso la predazione o nutrendosi dei loro scarti. Il ruolo dei vegetali nella catena alimentare è allora molto importante perché essi sono l unica fabbrica di cibo presente; tutti gli altri sono solo consumatori e dipendenti in diversa misura da loro: il carnivoro che mangia l erbivoro si nutre della sua carne, ma in realtà si nutre della materia prodotta dalle piante che questo ha mangiato e digerito. Questa materia ritorna poi al terL Ora di Religione 38 Febbraio 2024

L'Ora di Religione - N° 5
L'Ora di Religione - N° 5
Febbraio 2024