L'Ora di Religione - N° 6

il mondo e di esplorarlo e, quindi, più provano e fanno esperienze diverse e più la loro capacità di Come abbiamo già visto per le altre emozioni, adattamento si potenzia. E quando avvertiranno il passo più importante per gestirle è conoscerle. delle forme di disgusto capiranno che la strada che Quindi è fondamentale che ai bambini venga hanno intrapreso non incontra i loro gusti e non insegnato che abbiamo una sensazione preziosa è quindi quella giusta. Soprattutto non bisogna che ci insegna a distinguere quali sono le cose accondiscendere costantemente i bambini solo che vanno per noi e che ci fanno bene da quelle per non incorrere nei loro capricci, perché non c è che vanno evitate. In questo modo legittimiamo comportamento più diseducativo di non educare ai bambini la possibilità di avvertire il disgusto per non doversi scomodare come educatori. e di comprendere il valore e l importanza che ha Ovviamente questa seconda questa emozione, senza confonderla scelta educativa comporta il fatto con il «fare i capricci . che anche a scuola gli alunni abLegittimare il disgusto e, al biamo degli spazi per sperimentaIL NOCCIOLO contempo, lasciare al bambino la re se stessi e le proprie emozioni possibilità di sperimentarlo aiuta Il disgusto è un emoe dei contesti nei quali possano a fare esperienza del fatto che zione preziosa che ci avere possibilità di scegliere tra siamo programmati per sentire ciò che è di proprio gusto e ciò che protegge da ciò che ci è visceralmente ciò che può farci bene non lo è. Se anche a scuola, infatti, dannoso e pericoloso. così come ciò che può nuocerci. E si fa una educazione con tutto già questa sensibilità va coltivata e rafpronto e confezionato dagli adulti, finata e non sicuramente tarpata. non si aiutano i bambini a speriPurtroppo la modalità educativa dominante nella mentare e a gestire se stessi. pratica in questo periodo prevede che ai bambini venga negato il più possibile il contatto con qualunque cosa possa per loro essere fonte di disagio. In questa maniera, però, si crescono dei bambini che non sanno sentire, quindi distinguere e proteggersi, gli stimoli negativi e che poi diventano degli adulti che si trovano impreparati a gestire le frustrazioni o non sanno discriminare le emozioni che sperimentano di fronte ad esse. Questo modo di educare, purtroppo, facilita il fatto che i bambini crescano poco capaci di proteggersi e poso esperti nel conoscere se stessi; e questo è molto pericoloso. RLIHULPHQWL ELEOLRJUD FL Angelini G., Che cos è il disgusto, in: https:// www.stateofmind.it/2022/07/disgustocomponenti/, 2022, 1-3. Francesconi C., Bleah che schifo! Che cos è il disgusto?, in: https://www.chiarafrancesconi.it/letture/emozioni/104-disgustoemozione.html, 2023, 1-3. Rozin, P., Millman, L., Fallon, A. E., Operation of the law of sympathetic magic in disgust and other domains. Journal of Personality and Social Psychology, 1986, 50 (4), 703-712 in: Russo C. Il disgusto: un emozione tra disagio e protezione, in: https:// www.sinapsyche.it/disgusto/, 2023, 1-3. Suggerimenti educativi In molte occasioni, rispetto a ciò che piace o non piace ai bambini, ci sono due filoni educativi: il primo, più rigido , per cui i bambini devono provare tutti i cibi e tutte le cose per imparare a farsi piacere di tutto; il secondo, più permissivo , per cui i bambini mangiano e sperimentano solo ciò che piace loro, in modo da non sperimentare mai il disgusto. Come quasi sempre accade, la posizione più funzionale è senza dubbio quella intermedia. Pertanto non ha senso forzare i bambini verso cibi o esperienze che a priori si è capito che provocano loro disgusto, in quanto è provocare un emozione sgradevole deliberatamente. Per contro i bambini hanno bisogno di sperimentare L Ora di Religione NEL PROSSIMO NUMERO Sorpresa: lo stupore per la novità. 13 Marzo 2024 FORMAZIONE IDR La gestione del disgusto

L'Ora di Religione - N° 6
L'Ora di Religione - N° 6
Marzo 2024