L'Ora di Religione - N° 7

crescita, il suo diventare un albero forte, alto e rigoglioso, l ascolto delle parole di Gesù Interpretiamo i vari momenti con l aiuto del corpo, le diverse posizioni, le espressioni del viso. IL NOCCIOLO Far crescere il seme della fede che si è ricevuto implica non solo gioia, ma anche fatica, sacrificio, impegno. La fede può sembrare poco importante per la vita pratica, invece porta in sé tesori di grandezza e di completezza che possono contribuire a una maggiore felicità della persona. Rappresentiamo su grandi fogli, con la tecnica del collage multimaterico, la storia del granello di senape. Leggiamo la parabola raccontata dall evangelista Marco (4,30-32). Evidenziamo come Gesù stia paragonando il Regno di Dio a un granello di senape. Anche la fede, da piccoli, è come un piccolo seme che si è ricevuto nel terreno della vita e che, crescendo, può diventare grande e contribuire alla felicità delle persone; ma per sbocciare e portare molto frutto ha bisogno di impegno e sacrificio. IN DIALOGO Dove si svolgono i fatti narrati? Chi è il protagonista del racconto? Come venne accolto il semino piccolo e nero? Perché tutti si prendono gioco di lui? Come si sarà sentito? Che cosa sognò di diventare? Ci riuscì? In che modo? Che cosa accadde al sopraggiungere dell estate? Chi passò e si fermò un giorno davanti all albero? Perché Gesù elogiò il granello di senape? Secondo te, come si sentì il semino nell ascoltare le sue parole? Ti è già capitato di sentirti preso in giro? Per che cosa? Da chi? Come hai reagito? Sei rimasto soddisfatto della tua reazione? (lasciar raccontare). IMPARARE FACENDO Procuriamoci alcuni granelli di senape, osserviamoli e proviamo a immaginare la fatica del semino piccolo piccolo nella terra, la sua L Ora di Religione 29 Aprile-Maggio 2024 INFANZIA Fu un inverno faticosissimo per lui. Gli altri semi si godevano il tepore profumato della terra, facevano le cose con calma. Il piccolo seme, invece, ce la metteva tutta. Sbuffava, sudava, ma impegnava nella sfida tutte le sue forze. C era freddo fuori! Non importava. Il piccolo stelo si aprì la strada verso il cielo senza paura. Venne l estate. I viandanti che percorrevano la stradina accanto al campo di grano si fermavano e additavano meravigliati una pianta alta e rigogliosa che dominava la distesa del grano. Un mattino passò anche il Signore. Chiacchierava con i suoi apostoli, parlando loro dei gigli del campo e degli uccelli dell aria. Giunto davanti alla pianta si fermò e la guardò con intensità. I passerotti smisero di far chiasso e anche il vento tacque sospeso. Gesù sapeva l enorme fatica del piccolo seme nell inverno e volle coronare la fiducia che aveva avuto in se stesso. Disse: «Guardate il granello di senape. il più piccolo di tutti i semi, ma quando è cresciuto diventa un albero tanto grande che gli uccelli vengono a fare il nido in mezzo ai suoi rami . Il frumento, che si aspettava qualche elogio sulla sua importanza, quasi seccò per l invidia. Il piccolo seme nero, là sotto, moriva di gioia.

L'Ora di Religione - N° 7
L'Ora di Religione - N° 7
Aprile-Maggio 2024